3 idee per personalizzare il servizio musicale in base al cliente

Cos’è la personalizzazione in base al cliente, o client customization? Bé, per prima cosa è una componente essenziale in un modello imprenditoriale vincente. Questo vuol dire che se siete dei professionisti della musica per eventi (ma questo vale per tutti i tipi di attività), comprendere e includere degli elementi di personalizzazione nei vostri servizi dev’essere alla base della vostra attività.
Client customization è l’atto di personalizzare le vostre interazioni con un cliente potenziale o già acquisito. Può essere una piccola cosa come includere, nella risposta, il nome della persona che vi chiede un preventivo, o qualcosa di più sostanziale come costruire un’intera performance intorno al vostro cliente (coppia di sposi, azienda, ecc.). È in pratica quello che voi professionisti fate per creare un servizio su misura e un evento veramente unico per il vostro cliente.

Ecco allora 3 chiavi per un approccio di successo ai vostri servizi musicali.

1. Fate domande.

Spesso i clienti sono disponibili a condividere con voi storie personali, le loro preferenze e gusti, e le inclinazioni dei loro invitati. Ma solo se fate le domande giuste. Arrivate al vostro incontro preliminare avendo bene in mente una serie di domande pensate per capire il tipo di persona, di coppia o di azienda nel suo insieme. Che stile preferiscono e che tipo di evento hanno in mente? Da lì, vedrete che non sarà difficile carpire tutte le informazioni che vi occorrono per personalizzare il vostro lavoro per il loro matrimonio o evento.

2. Pensate in maniera creativa.

Qualsiasi tipo di servizio può essere personalizzato. Date un’occhiata a quello che avete nella vostra scatola degli attrezzi (canzoni, presentazioni, biglietti, discorsi scritti) e pensate a come potete personalizzare i vostri strumenti in maniera unica. Per esempio, un cabarettista potrebbe pensare di inserire una barzelletta o un nomignolo divertente per una certa persona (elementi divertenti appresi da tutte quelle domande) nel dialogo che di solito usa. Quando impegnate del tempo per dare un tocco creativo ad alcuni elementi del vostro lavoro di musicisti o animatori, darete al cliente l’impressione di essere non soltanto professionali ma anche originali. A chi non piacerebbe?

3. Qualcosa in più.

Chiedete a qualsiasi musicista professionista come ha fatto a restare in contatto con gli sposi mesi o addirittura anni dopo il matrimonio, e probabilmente vi risponderanno che hanno fatto di tutto per sviluppare un rapporto speciale con loro, dall’inizio. Non solo i musicisti hanno lavorato a contatto con gli sposi per creare la scaletta perfetta per il loro matrimonio, ma hanno anche inviato loro un cd con quelle stesse canzoni come piccolo regalo sorpresa dopo l’evento. Non è solo una questione di distinguervi dalla concorrenza per aggiudicarvi l’ingaggio, ma anche di distinguere il vostro servizio durante e dopo il matrimonio. Annotatevi tutti i matrimoni a cui suonate e inviate ogni anno alla coppia un biglietto di auguri di buon anniversario. Inviate un biglietto di ringraziamento una o due settimane dopo l’evento, magari allegando una foto di voi con la coppia durante il matrimonio. Questi sono piccoli gesti che hanno però un grande impatto nella memoria dei vostri clienti e nella possibilità che vi raccomandino a qualche loro conoscente.

Questo è il livello di cura e attenzioni che renderanno felicissimi i vostri clienti. E quando alla fine si saluta un cliente che sorride e si sente speciale, è possibile che vi raccomandi a qualcuno riferendovi a voi come amici, o perfino che vi ingaggi nuovamente per un altro tipo di evento. Quindi oggi dedicate del tempo a ideare alcune componenti del vostro servizio che potete personalizzare.

Crea gratis il tuo profilo su MusicaMatrimonio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.